Autunno/Inverno 2012: The must have. Part two.

Eccola qui, la seconda parte del viaggio tra le passerelle di Febbraio per conoscere i must have della prossima stagione invernale.
La Moda è stile e personalità, ed ogni proposta deve essere sempre e assolutamente rivisitata e fatta propria.
Questo non toglie, però, che bisogna seguire i trend di stagione, studiarli, ispirarsi e reinventarli secondo il proprio gusto.

Il bianco resta il protagonista assoluto.
Candido come un bagliore o declinato al panna, rende elegante e sofisticato anche il più semplice dei completi.
Da osare assolutamente: Un tocco di piume qua e là. In una spilla, in un collo o in una orlatura. (Alexander McQueen ndr)
Un grande classico che ritorna dagli anni ’50.
Non solo nel tradizionale Black&White, ma anche coloratissimo, è primo attore di tutto il guardaroba, dal capospalla alla scarpa.
I nuovi accostamenti lo vogliono sposato a colori accesi, dal più scontato rosso all’innovativo verde.
Unico accorgimento: evitare la macrofantasia se non si è proprio filiformi.
Altra fantasia protagonista delle passerelle ma stavolta rubata alla vecchia Inghilterra.
Il tessuto plaid si reinventa, trasformandosi in scialli, maxigonne, camicie e cappotti.
Sempre e solo ipercolorato, e abbinato a total-black o altre monocromie.

Uno stile perfetto e impeccabile, fatto di camicie abbottonate fino al collo, gonne a pieghe o tubolari, maxi-fiocchi e minicinture.
I colori sono sempre tenui, pastello e neutri. Niente è fuori dalle righe.
I capelli sempre in ordine e alzati in semplici chignon, i tacchi mai troppo alti sottolineano la caviglia con sottili cinturini.
Iperfemminile e sempre chic, anche se non proprio d’avanguardia.
Una diva moderna. Metropolitana, misteriosa e cittadina del mondo.
Nessuno stile, a mio parere, risulta più femminile e sensuale.
Quindi via ad abiti redingote gessati, cappotti doppio petto, pantaloni sartoriali e gonne dal taglio diritto.
Sempre abbinati a cappelli fedora, maxi bag, tacchi altissimi e stole di pelliccia.
Perfetto dal giorno alla sera.

11 Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*