Borse, baci e cucchiaini di Nutella.

Quando si parla di borse, baci e cucchiaini di Nutella, è così che siamo. Incontentabili.

Insaziabili e dubbiose. Tormentate dall’ennesima domanda sul benessere psicosomatico regalato dall’acquisto compulsivo e quel bacio dato senza promesse.
– Ne vale realmente la pena?- Solo l’ultimo e poi basta. –
E cucchiaino dopo cucchiaino, pochette dopo pochette, vacillano coraggio e conto in banca.
– Un bacio glielo dó ma poi non lo chiamo per almeno 72 ore. – Ecco a voi, signore mie, l’acquisto d’impulso.
Quello del rimedierò domani. Quello che ci riempie l’armadio di postine colorate solo perché è primavera. Che ci rende uniche e speciali, perché quella borsa su quell’abito non se l’aspettava nessuno, come quel bacio dentro quella notte. Ci sta. Ci sta perché è l’origine di ciò che siamo, senza rimorsi. Perché borse,  baci e  cucchiaini di Nutella si divorano d’istinto e nella solitudine di un affascinante senso di colpa. Perché il vero e reale mi-serve non é altro che una nebulizzazione di amfetamine che domani si tradurrà in un uomo che ci ama per i nostri slanci quando-meno-te-li-aspetti, per quei fianchi un po’ burrosi e per quelle pochette colorate indossate senza perché apparente.
Dedicato a tutte coloro che sanno dire semplicemente -I do-.
Che si rifiutano di contare le stelle. Perchè, per riempire il cielo, devono essere innumerevoli, come le borse dentro un armadio.

Credits Tumblr

2 Comments

Rispondi a Abaya and Heels Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*