Certi stili…

…Fanno dei giri immensi e poi ritornano.

Come il tempo che scorre e non puoi arrestarlo, i decenni slittano nel mio armadio quasi fossero ore. Ma ci sono volute tante estati perchè i cinquanta divenissero prima sessanta, e poi quasi settanta. Tante stagioni perchè la gonna a ruota si trasformasse in un abito a trapezio. Vasche da Zara a cercare un jeans con la vita alta da arrotolare alle caviglie. Troppe pause pranzo navigando tra Asos e TopShop inseguendo una camicia bardot con le balze come la sua a Saint Tropez. Mesi perchè la frangetta si allungasse in un ciuffo allo schiaffo di vento. Quarti d’ora spesi a provare il nodo di un turbante davanti allo specchio. E un – per sempre – come consapevolezza: il vintage è un cerchio da cui non esci più, una droga, una devozione. Un monopoli. E appena tocchi la casella del 1979, passi dal via e ricominci da capo, laddove le gonne si allargano di nuovo.

Al momento sono ferma a cavallo tra il 1968 e il 1970. Con nessuna voglia di rilanciare i dadi.

Questione di stili.

Credits Tumblr

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*