Le ragazze dell’inverno che sarà.

Sorrideremo dietro a strati di rossetto. Rosso magenta. Senza pudori.
Ameremo ciò che non possiamo avere. Che il desiderio, si sa, è la coniugazione più nobile dell’emozione. E avrà tanti nomi, ognuno per ogni piccolo e grande vorrei.
Infileremo cucchiaini dentro la Nutella col nostro nome e condivideremo la Coca Cola con chi amiamo come forma di romanticismo imperativo.
E proveremo il giallo caldo dei girasoli, con quel gusto dolce e irriverente di chi ha la consapevolezza di essere favolosa.


Saremo quelle che ricordano, perchè quella fetta di epoca chiamata vintage si è allargata, come la fascia tropicale. E indosseremo le maglie tricot dei novanta, ricamate e disegnate tra i fili di lana, quant’è vero che pioverà di più.
Ci saranno le parole tra donne, tante, a bassa voce tra amiche inzuppate dentro una vasca idromassaggio di un percorso benessere che preveda una cuffietta in pieno stile anni cinquanta.
Faremo il tartan a modo nostro, che non pregiudichi la regina, e neanche i punk di Carnaby street. E che non faccia neppure Yale e le sue cheerleaders.
Ci sarà sempre whats’App e il suo visualizzato che è di per sè una risposta, che porterà dentro le delusioni di tante domande.
E i minuti che sembrano ore davanti all’armadio. Come una statua di sale. A chiederci cosa mettere. Per poi aprire il frigo e trovare la risposta.
Alzeremo le nostre vite per far sembrare le gambe più lunghe dentro pantaloni morbidi di tweed e gonne a pieghe per quella femminilità che sembrava dimenticata e che ha il profumo buono di Marilyn.
Correremo, ma senza fretta. Perchè sappiamo aspettare. E sapremo dire no alle mode che non ci stanno bene.
E getteremo via le cose vecchie e i pensieri cattivi. Ma non i ricordi e neanche il boyfriend jeans, unica certezza insieme al sole che lascerà spazio alla sera già alle diciotto.

Saremo felici. Felici e favolose. Perchè non c’è niente di meglio di una ragazza frivola ma intelligente. Beato chi se la sposa e non si accontenta dell’una o dell’altra cosa soltanto.

Font Tumblr

3 Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*