Milano Fashion Week S/S 2012 Day five

Milano Fashion Week. Quinto giorno.



Byblos

Ha portato in passerella il colore non colore come unico attore. Quindi, beige, bianco, nero e grigio in tutte le loro declinazioni fino ad arrivare al metal.
La collezione è nettamente suddivisa in due distinte sub-collezioni, una da giorno e una da sera. 
La sua è una donna che sceglie di vestire un’anima aggressiva e un po’ futurista alla luce del sole, ma si trasforma in dea greca al chiarore di luna.

Massimo Rebecchi

E’ sempre sè stesso e propone donne dall’allure bon ton e classiche che non conoscono l’eccesso.
In passerella tailleur con pantaloni a sigaretta, abiti dalle linee morbide, giacche boyfriend o scollate con taglio chanel e abiti leggeri.
La monocromia è interrotta da microfantasie o da orlature a contrasto. Unica “pazza idea” la scarpa stringata sfrontatamente gialla.
Tres chic!

Roberto Musso

La collezione è concepita come una tela da dipingere. Ogni cosa è total white, dalla location agli abiti. E tutto questo bagliore è interrotto da graffiti dal sapore nostalgico, che ricordano i disegni di bambini sui quaderni di scuola.
Naturalmente, non si dimentica l’anima classica della griffe, che traspare nelle linee sartoriali dei tailleur e nei trench di lino bianco.

2 Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*