Milano Fashion Week S/S 2012 Day three

Terzo giorno della Milano Fashion Week S/S 2012.

Les Copains.

La collezione ha come parola d’ordine “Sobrietà”, e ciò è evidente nella scelta dei colori tenui e delle linee bon ton. Così, le gonne e gli abiti non scoprono mai il ginocchio, le camicie si abbottonano fino al collo e laddove ci sono intarsi non ci sono altri fronzoli.
Bellissimi i ricami all’uncinetto che fanno da trade union di tutta la collezione e favolosa la gonna dall’anima gipsy.
“Less is more”.

Iceberg.

Ha aperto le danze Valentina, sexy-girl dei fumetti e neo- musa di Paolo Gerani, che ha voluto stampare il suo viso su Tee e abiti, per mettere in evidenza il lato un pò fetish della sua ragazza.
Paolo non dimentica, però, che ogni donna ha un lato sexy. E così, va in scena la seconda parte della collezione, fatto di tailleur in raso di seta, tute scultura e vestiti svolazzanti. E poi fiori, fiori e ancora fiori. Ovunque e coloratissimi.
Favolosi i parka, che tornano a nuova vita in una versione rivisitata e corretta, di grintosa pelle rossa o di leggero tessuto tecnico, da indossare su abiti e shorts.

Aigner.
Una collezione meravigliosa e sofisticata, ispirata alla vecchia Hollywood degli anni ’40, ad un’epoca in cui le donne ostentavano femminilità e sensualità da ogni poro della loro pelle.
Lo stile Old America è evidente in tutto. Le gonne e i vestiti si strizzano in vita, le stampe si fanno nostalgiche e le borse prendono i nomi delle dive più famose del tempo.
Nessun eccesso, nessuna esasperazione. Solo eleganza.

10 Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*