New Desperate Housewives

Sono sempre lì, immobili, come la macchina costosa custodita in garage a cui è concesso il giro d’ordinanza il sabato mattina.
In attesa.
Aspettando giugno per sfoggiare il nuovo costume Seduzioni Diamond abbinato a infradito e copricostume tra le sdraio di un club elitario.
Con i capelli sempre in piega per l’appuntamento fisso dal parrucchiere tre volte la settimana, quando al lavatesta dibattono sull’eterno scontro tra burro e olio quando si cucina la cotoletta alla milanese.

E sono stanche, tant’è vero che hanno affidato al suocero l’arduo compito di portare i marmocchi a scuola alle otto del mattino.
Sono stanche perchè vanno in palestra alle 10.30 nei giorni dispari, gli stessi che, con un guizzo d’intelligenza, hanno fatto coincidere agli orari della colf filippina.
E poi devono pensare a cosa cucinare per pranzo e alla decorazione delle palle per l’albero di Natale anche se è ancora Marzo perchè loro fanno decoupage.
E lo fanno seriamente.
Sono stremate perchè i loro pomeriggi sono impegnati tra il ritocco alle unghia e le visite di cortesia, che sia un lutto o una nascita non importa, ciò che conta è presenziare, sempre e comunque.
Piangere o ridere se necessario. Spiluccare ma non mangiare, sorseggiare anziché bere. Con l’ultima gonna di Roberto Cavalli e le décolleté tacco 12, perchè quelle che portano le ballerine per andare a lavorare proprio non le capiscono. Ed hanno strati di fondotinta di un tono più scuro tradito dal pallore di un collo spesso dimenticato, l’eyeliner perfetto e i gioielli d’oro chi più ne ha più ne metta. Le calze color carne e la biancheria abbinata.
Gli shatush biondo caramello tendente al rame e l’ultima ghd da collezione mai usata sulla mensola del bagno.
Sono vegetariane per il grande pubblico ma non vanno mai a teatro senza pelliccia, e dal macellaio chiamano i tagli col loro nome con una saccenza che neanche Cracco potrebbe far meglio. E danno del tu, a tutti. Al salumiere, al giornalaio, al farmacista, scalpitanti in fila come puledre in scuderia, perchè alle 20.40 inizia il gioco dei pacchi alla tv, e loro di pacchi se ne intendono.
Come di arredamento neoclassico, di Burraco, dell’ultima lavatrice full optional di casa Ariston e di dieta Zona. Degli svariati tronisti di Uomini & Donne, che se le chiamasse al rapporto Maria, loro si che saprebbero fare le opinioniste.
Del resto, fino ad ora, non hanno fatto che questo.
Si sono allenate.
A commentare.
A criticare.
A concettualizzare le vite. Degli altri, però.

Font Tumblr

1 Comment

Rispondi a Abaya and Heels Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*