Quando posso scappo a Taormina. Anche a Pasqua.

Avvolta da turisti e indigeni che affollavano le strade di Taormina, i suoi vicoli, le sue chiese, i suoi cento e più negozi: ecco come ho trascorso questa tre giorni pasquale. Le foto parlano chiaro, nonostante il termometro sia sceso giù e qualche goccia di pioggia abbia sporcato il w-e, Tao si apriva sempre affettuosa, piena, elegante e viva, così come lo è d’estate. Ed allora, scusandomi per i passeggiatori che hanno riempito il panorama delle mie foto, vi racconto la mia domenica di Pasqua, fatta di vasche su e giù per il corso curiosando tra i negozi, di qualche acquisto ( ve ne parlerò in seguito), di un pranzo con vista mare, di un outfit dal sapore vintage e di un sole che faceva capolino timidamente. Mi auguro e vi auguro ( anche se con ritardo) la stessa serenità.

Jacket and Skirt Asos
Cardigan Zara
Pochette Roberta di Camerino
Foulard Borbonese
 

Tags

14 Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*