Repellenti per l’Uomo.

Visto con i Loro Occhi

Effettivamente (e senza offesa alcuna) le cose stanno così: la grande fetta degli esemplari -uomini eterosessuali-, di moda non capisce una mazza. Per lo più si spaventano. Si terrorizzano anche.

E questa fobia da crop top e affini ha origini profonde, radici probabilmente legate alle paure che i loro avi provarono alla vista delle prime minigonne, come manifesto di rivoluzione e di presa al potere femminile. O al fatto che in fondo, la loro mente è elementare. Pulita. Essenziale. Del tutto priva di quelle contorsioni tipiche di noi ragazze.

E così è la loro visione della moda. O meglio, della moda su di noi. Di ciò che vestiamo, di quello che per noi è assolutamente chic, particolare, speciale ed esclusivo, e che sarà per loro un repellente. Sgradevole quasi. Eccessivo. Scioccante. Perchè loro preferiscono guardarci come noi vorremmo guardare le scarpe dentro i nostri armadi: tutte in fila, senza scatole di Gucci o sacchetti di velluto rosso che le avvolgano. Perchè è troppo complicato da osservare.

Repellenti per l’Uomo.

Tipo il crop top + gonna a ruota ( o pantalone balloon, in alternativa).
La decolletè con il calzino colorato.
Il vintage, in toto.
Il boyfriend-denim + blazer maschile.
Le Jeffrey Campbell, tutte.
I costumi interi anni cinquanta.
I colori sui colori, insieme.

Ammesso e concesso che sappiamo essere stilose, la sera togliamo qualcosa prima di uscire, come suggeriva Coco, e non solo per acquisire in eleganza. In spiaggia, ogni tanto, scegliamo un brasiliano. Un tubino nero che scopra la schiena e sandali per le notti d’estate. Per semplificargli la vita. Perchè sappiamo anche essere compassionevoli, noi.

Credits Tumblr

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*