Rouge Coco ~ quello giusto

rouge-coco-3

Noi ragazze di rossetti non siamo mai sazie. Probabilmente perché quello giusto non è mai arrivato. Quello che ti fa dire “sì, lo voglio” senza che neanche te ne accorgi. Quello che, per lui, rinunceresti anche a tutti gli altri.

Perché siamo quelle che escono da casa alle otto e trenta del mattino, spennellandoci le labbra davanti allo specchio dell’ascensore con la pretesa che lui resti lì, intatto, senza sbavature, per almeno quattro ore, che poi mica è chiedere troppo. Non è altro che il tempo necessario per un giro di shopping o una chiacchierata tra amiche, di quelle che si improvvisano a prendere un caffè che poi diventano due e fumiamoci anche una sigaretta e torniamo a casa. O l’intervallo utile per andare a lavoro e arrivare fino alla pausa pranzo, che tanto dopo passo in bagno e me lo ritocco, per vedere dove è andato a finire. E deve anche essere facile, perché non è che abbiamo tempo da perdere a contornarci con la matita. Facile, perché noi dobbiamo sbrigarci e stenderlo con un unico gesto, come se conoscesse la linea della nostra bocca per non uscire mai oltre le righe di tutte le parole che andranno dette in quelle quattro ore. E poi, o sono lucidi e ce li mangiamo come fossero nutella su un cucchiaino o sono opachi e tanto pieni di colore da assorbire ogni molecola d’acqua delle nostre labbra tanto da farle apparire come una mela dimenticata per una settimana nel cestino della frutta.

Ecco il punto è proprio questo: che nessuno ha mai pensato che un rossetto deve essere facile, lucido, morbido e colorato, per essere perfetto. Che deve possedere questi quattro aggettivi tutti insieme appassionatamente e non uno per volta. Che un rossetto deve essere un piacere. Un complice. Una scorrevole sensazione di benessere. Nessuno tranne Chanel nella persona di Karl, che capisce sempre le donne e ha inventato Rouge Coco. Che lo spennelli una volta ed è come un gloss, due volte e si fa più coprente, tre volte e diventa un raggio di colore. E sta lì, senza andar via, mentre tu parli, bevi, mangi, lui idrata la pelle. Aspetta che finisci quello che devi fare, con pazienza. Perché lui è quello giusto. Quello a cui dici “ti sarò fedele sempre”. E lo capisci subito. Un po’ come quando trovi l’uomo perfetto che non scappa via dopo quattro ore di shopping.

Che cosa vuoi di più dalla vita? Un Rouge Coco.

rouge-coco-1

rouge-coco-4

rouge-coco

 

rouge-coco-2

 

Thanks to Chanel Press Office.

1 Comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*