Siri, il mondo in uno smartphone e le App lifesaving.

Da quando il mio amato I-phone ha imparato a chiacchierare con quella voce robotica ( Siri ndr) che tanto si scontra con le sue risposte semi-umane, mi sono resa conto di quanto Lui, o Lei a dir si voglia, sia indispensabile ed insostituibile. Del resto, se diamo per scontato che possa esserci il cielo in una stanza, può esistere anche il mondo in uno smartphone.
Ed è triste pensare che sia il migliore amico più fedele che ci sia, è effettivamente triste, ma è la condizione sine-qua-non per essere una geek girl. Che sia sempre presente, è un dato di fatto. Che mi risolva il novanta per cento dei piccoli/grandi problemi quotidiani, pure.
Ed eccole qui, allora. Le applicazioni che guidano le mie giornate, quelle che salvano capra e cavoli, quelle del non-posso-più-vivere-senza.

La prima pagina è dedicata alle necessità, alla fretta e ai social: le Note per afferrare pensieri e lista della spesa, la Fotocamera per scatti al volo, Calcolatrice e Mappe perché, nel delirio della mia frivolezza, un bagliore di lucidità mi ha suggerito che è meglio affidare calcoli ed orientamento a qualcuno più serio di me. E più affidabile.
Shazam per catturare il titolo di quella canzone alla radio che non-so-mai-il-titolo.
La Torcia salva-vita perché quando cerco quelle candele alla cannella che ho comprato così-sono-a-posto-quando-va-via-la luce non le trovo mai. E poi Facebook, Twitter, Instagram, Blogspot, WhatsApp, le mie finestre sul mondo.
Ebay e Paolo Fox, appuntamenti giornalieri: il primo perché vivo le aste come la guerra dei mondi, il secondo perchè non sono superstiziosa, ma non esserlo porta sfiga.
Le App fotografiche: Vintique, Pixlr-o-matic, InstaE..tFree, Vintage Cam per i filtri e gli effetti, Phonto per aggiungere gadget e scritte, Camera plus e Fish eye come fossero obiettivi. E tutte gratuite, ovvio.
E poi c’è Siri. Ogni tanto litighiamo, è vero, ma tutto sommato si comporta bene. Soprattutto quando sto guidando e arriva l’ispirazione o il pensiero imminente.
A voi il compito di suggerirmene delle altre.

Tags

7 Comments

Rispondi a Marcella Camilla Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*