Un’estate #maipiùsenza. Volume secondo.

Volume secondo, perchè le mie raccomandazioni estive e i miei consigli da isolana DOC non possono confinarsi dentro un singolo post. E perchè le cose da dirvi, per raccontarmi e raccontarvi la mia estate, sono esponenziali.

1) Sarà la pelle ambrata, o forse il rilascio di endorfine provocato dal sole, ma, mai come adesso, la mia voglia di ciondoli, bracciali e collane aumenta. Ancor di più se Tiffany, in argento 925, perchè più si usano, meglio è.

2) Ritagliarsi uno spazio, un luogo, un tempo per premere start sull’ipod e ascoltare per ascoltarsi. Una melodia, una canzone, col tasto repeat sempre attivo. “She’s like the wind” è la mia. Per chiudere gli occhi e immaginare il proprio film, ognuna con il suo..

3) La metamorfosi è già avvenuta: d’estate mi trasformo in una zingara. E colleziono, gonnellone, kaftani di seta stampata, e kajal neri, blu, bronzei. Non riesco a vivere senza.

4) Il mio after-sun è fatto di sola dolcezza. Un olio senza sapone per eliminare la salsedine, e un dopo-doccia ricco di vitamina E antiossidante dal profumo paradisiaco di pulito. Motivo in più per consolidare una routine che va avanti da anni.

5) Una lettura. Di quelle frivole che ci faccia sorridere. Di quelle che, se qualcuno ci chiede cosa stiamo leggendo, proviamo un filo di vergogna. Ma chi se ne frega, essere un po’ oche non guasta, fa bene alla salute e non intacca la nostra intelligenza. Agli occhi di chi lo è, intelligente.

A voi un buon giovedì..

7 Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*