Marionnaud & Io ~ #VogueStories

E’ la storia di un incontro casuale, quella tra me e Marionnaud.
Una coincidenza fortuita tra un’ossessionata di make up e uno spazio che di quel make up ne fa mostra e vanto.
Che lo sfoggia come fosse un gioiello in una teca.
Perché si sa, per noi ragazze, la ricerca del rosso perfetto da stendere sulle labbra è come quella del jeans perfetto, devi trovare quello che ti sta meglio, il negozio giusto e sentirti coccolata.

E così è stato. Per caso. Come quelle coincidenze che sono quasi appuntamenti.
Come quando passeggi senza meta e incroci qualcuno ed è subito feeling. A pelle. Perchè ti senti a tuo agio, un po’ come voleva Bernard (Marionnaud ndr) nel 1972, quando diceva:

Vorrei offrire un luogo dove la bellezza è a portata di tutti. ~ Marionnaud

E mentre girovagavo tra le vetrine, i profumi on line raccontati ad arte nelle loro note olfattive, le missions della maison e i consigli delle beauty consultant del Marionnaud Beauty Istitut, mi sono imbattuta in loro: i rossi perfetti di YSL, meglio noti come Rouge Pur Couture The Mat #203 e #204.
Arrivati a casa mia in un tempo così breve da non percepirne la distanza. Rouge Rock per i giorni con le paturnie, Rouge Scandal per quelli più arroganti e superbi.
Perché a volte, è quando ti perdi tra le vetrine di un negozio così, che ritrovi quella strada che cercavi da tempo.

Vuoi passarmi la mia borsetta tesoro? Lettere del genere non si possono leggere senza rossetto! ~ Audrey Hepburn, Colazione da Tiffany.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*